La deglutizione infantile è una fase transitoria nella storia della bocca del tuo bambino, ma se questa si protrae anche in fase adulta è il caso di correre ai ripari!


Sapevi che durante una giornata si deglutisce circa dalle 1500 alle 2000 volte?

Un numero piuttosto elevato.

La bocca è un meccanismo perfetto. Prova a immaginare di aprire e chiudere una semplice finestra di legno 2000 volte al giorno, ma che un piccolo oggetto ostacoli il normale movimento delle cerniere … il risultato?

La finestra si romperà in poco tempo.

La lingua è il protagonista della deglutizione umana, e si preoccupa di farci inghiottire ogni mezzo minuto durante la fase di veglia e ogni minuto durante il sonno.

È un organo estremamente importante per la crescita dell’apparato stomatognatico.

Nella deglutizione infantile o viziata purtroppo però non riesce a svolgere correttamente il “suo lavoro”!

Come funziona la deglutizione fisiologica?
Dopo aver messo in bocca il cibo che stiamo mangiando, averlo masticato e aver formato il bolo alimentare inizia l’atto deglutitorio.

La punta della lingua si spinge contro le rughe del palato (palato verso gli incisivi superiori, dove risiede anche la papilla incisiva.

Inizia lo schiacciamento contro la volta palatina   (parte superiore della cavità orale) e la base linguale si porta più avanti per far attraversare il bolo e spostarlo della faringe e infine nello stomaco.


Qualsiasi alterazione della deglutizione fisiologica, di qualsiasi origine, comporta la cosiddetta deglutizione infantile o meglio viziata.

La deglutizione è una “danza perfetta” che si svolge innumerevoli volte durante la giornata, un passo sbagliato rende tutto scoordinato e comporta una serie di effetti a catena.


Gli effetti della deglutizione infantile o viziata.


La deglutizione viziata causa il cosiddetto palato ogivale (stretto e incavato verso l’alto) per la mancanza del continuo massaggio della lingua sul palato.

Ma può comportare anche altre complicazioni come varie patologie a carico dell’orecchio:

  • le otiti ricorrenti nel bambino;
  • diminuzione dell’udito;
  • acufeni  (disturbi uditivi come fischi e ronzii);
  • le vertigini nell’adulto.

La deglutizione infantile o viziata può coinvolgere in alcuni casi i muscoli della motilità oculare con la comparsa di:

  • forie;
  • strabismi.

È collegata a problemi del linguaggio e a problematiche gnatologiche:

  • spesso si riscontra una pronuncia alterata della “s” e della “z”;
  • è considerata la causa principale di malocclusioni dentali come il morso aperto anteriore, mono o bilaterale;
  • morsi aperti totali, con contatti unicamente sui molari;
  • morsi incrociati anteriori, mono e bilaterali.

Un’errata deglutizione può influire addirittura su problematiche ortopediche e fisiatriche:

  • causa degli squilibri muscolari;
  • comporta degli atteggiamenti posturali anomali (postura e atteggiamento che il corpo umano assume nello spazio)     


Conclusioni.


Generalmente la diagnosi di deglutizione viziata, e di squilibrio della muscolatura oro facciale, è semplice e viene eseguita dall’Ortodontista gnatologo  dopo un’accurata anamnesi e visita clinica.

Soprattutto nei bambini la deglutizione infantile o viziata può sembrare una problematica transitoria e di lieve entità.
Non fare l’errore di sottovalutarla!

Non esitare a contattarci perché alla Clinica Lai Putzu la prima visita è sempre gratuita!
Prenota la tua prima visita gratuita!
  

A presto,
Dott.ssa Ines Putzu.